Login ‹ T2D

Il mattone T2D: da anni garanzia di qualità

Il laterizio è un prodotto di base ceramica a pasta porosa, utilizzato da sempre nell’edilizia, che costituisce un fondamentale materiale da costruzione. Viene creato con argilla depurata, pressata in forme stabilite, asciugata e cotta in forni appositi.

La composizione dei laterizi

I laterizi sono materiali artificiali composti da una miscela di elementi chimici che possono essere dosati in differenti percentuali. Le argille con cui si dà vita al laterizio sono infatti composte prevalentemente da:

  • Ossido di Silicio: dal 45% al 60%
  • Ossido di Alluminio: dal 15% al 20%
  • Ossido di Calcio: circa il 10%
  • Ossido di ferro: dal 4% al 7%

Impastando questi diversi elementi, vengono fuori numerose varianti di materiale che prendono il nome generico di laterizi. Normalmente, cuocendo le argille in stampi prestabili, si va a identificare un determinato prodotto laterizio. Ciascuno di essi ha determinate caratteristiche che ne determinano ala destinazione finale di utilizzo.

La classificazione dei diversi laterizi tuttavia non è ben definita e soprattutto non è univoca.

Creazione dei mattoni in laterizio dalla A alla Z

La prima cosa che si fa per creare un laterizio è reperire le materie varie prime di composizione. Le aziende possono avere cave di proprietà da cui estrarre largilla o acquistarla da fornitori esterni. Nel nostro caso, le cave sono di proprietà, in modo da poter controllare la produzione dalla fonte, al consumatore.

Una volta giunta nello stabilimento, la terra argillosa viene disposta in cumuli stratificati composti da strati di materiale diverso, in modo che quando viene prelevato con tagli verticali, il composto sia già ben amalgamato. Per favorire questa miscelazione, largilla viene solitamente lasciata riposare per circa un anno prima dellutilizzo.

Vagliatura e miscele

Una volta trascorso il giusto tempo di posa, la miscela argillosa viene dapprima purificata attraverso il processo di vagliatura, che elimina sassi e altri corpi estranei. Viene poi posta allinterno di cassoni insieme alla sabbia da impasto, dosando le materie prima a seconda del laterizio che si vuole ottenere. Delle tramogge provvederanno a mescolare il composto, che entrerà a questo punto nel vero e proprio ciclo produttivo.

Miscela argillosa e sabbia passano poi alla laminatura, un processo bifasico che vede il composto passare prima attraverso uno macchinario con fori da 1 millimetro, poi attraverso un secondo laminatoio con fori di circa 0.5 mm. Lobiettivo principale della laminatura è quella di sminuzzare eventuali grumi che andrebbero altrimenti a creare difetti nel prodotto finito. Con lo stesso scopo viene effettuata la setacciatura, che elimina definitivamente anche le più piccole particelle estranee dalla miscela laminata.

È a questo punto che viene aggiunta lacqua. Con lulteriore aiuto del vapore acqueo, il composto argilloso viene mescolato da delle pale rotanti, raggiungendo il grado di umidità necessario per la successiva fase di stampaggio.

Messa in forma dei mattoni di laterizio

La formatura dei blocchi in laterizio avviene utilizzando una mattoniera, dove largilla umida allo stato pastoso viene spinta e compressa contro una filiera, dalla quale esce sotto forma di nastro continuo che ha la sezione del tipo di laterizio che si vuole ottenere.

La fase dell’essiccazione

La produzione del laterizio prosegue con la fase di essiccazione delle forme argillose: consiste nelleliminazione di gran parte dellacqua presente allinterno del mattone. A seconda dellumidità del mattone, questa fase può avere una durata variabile.

La fase della cottura

Una volta completata lessiccazione, i mattoni vengono trasportati verso il forno grazie a un carrello, che entrerà direttamente nel vano di cottura. Per questo motivo, è molto importante la disposizione dei mattoni, che dovranno essere distanziati in modo che il calore giunga omogeneo in tutte le parti del blocco.

Infine i mattoni sono sostanzialmente pronti per lutilizzo. Gli addetti ai lavori provvederanno a verificare la conformità del prodotto alle norme che regolano il settore degli elementi in laterizio.

L’uso dei differenti mattoni

Essendo molteplici le tipologie di laterizi presenti, ogni specifica avrà un impiego ben definito. Per le pareti portanti si utilizzeranno più che altro blocchi di grandi dimensioni. Le NTC 2018 relative alla determinazione dei parametri meccanici della muratura si pone in continuità con le disposizioni previste dalle precedenti NTC 2008, migliorandole ed ampliandole seguendo anche gli Eurocodici.

Per le pareti interne e divisorie, si prediligono invece i mattoni forati, in cui possono essere inserite più agevolmente le tubature e gli impianti. Queste pareti devono essere al tempo stesso anche resistenti per supportare i carichi di mobilio che ci può essere appeso. Infine, facciamo una menzione per i mattoni dedicati allisolamento degli edifici.

Sappiamo quanto sia importanti per le case moderne avere alte prestazioni energetiche che permettano ai suoi abitanti di risparmiare sui costi e vivere in modo più sostenibile. Al tempo stesso, però, è fondamentale anche lisolamento acustico degli edifici. Per questo, sono stati studiati dei mattoni che coniugano i benefici del laterizio con le proprietà termiche ed acustiche dei materiali isolanti. Andate a scoprire Tris®, lesclusivo mattone di T2D con cappotto termico integrato.

La realtà T2D

Mattoni e bimattoni in laterizio, forati e blocchi leggeri, blocchi in laterizio termici, blocchi portanti antisismici, solaio in laterizio e lastre tipo predalles”: i prodotti della tradizione costruttiva italiana. Sistemi costruttivi in grado di garantire elevati standard qualitativi, condizioni di comfort indoor ideali e ambienti sani. Soluzioni in laterizio per migliorare la qualità della vita. Tutto questo è T2D.

Ogni giorno dai nostri stabilimenti raggiungiamo rivenditori e cantieri di tutta la penisola. Siamo un marchio nuovo con solide radici, che poggiano sullesperienza e sulla storia di 3 aziende storiche del settore. Attraverso unoperazione di fusione tra Toppetti e Donati Laterizi, nasce T2D che con 4 stabilimenti dislocati in Umbria, Toscana e Piemonte è il più grande produttore di laterizi in Italia.

Affidati a T2D per i tuoi progetti edilizi e saprai che professionalità ed esperienza non verranno mai a mancare! Utilizziamo i migliori e più innovativi materiali sul mercato attraverso il nostro staff in continuo aggiornamento e specificatamente qualificato.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI T2D

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità dal mondo dell'edilizia, scopri materiali costruttivi all'avanguardia e i loro impieghi più interessanti e scopri i consigli dei nostri esperti. Entra nel mondo T2D.

 SISTEMA TRIS®

SAFETY LAB CENTRO ITALIA

MURATURA ARMATA 2.0

LINEA ACUSTICA®

PrintShare