Login ‹ T2D
Classificazione e prestazioni del Poroton

Classificazione e prestazioni del Poroton 

 In questo articolo vedremo la classificazione e prestazioni del Poroton.

La classe di appartenenza di un blocco di laterizio è determinata, per legge, in relazione alla percentuale di foratura da cui deriva pure anche il suo ambito di utilizzo. La classificazione permette di individuare quali siano gli elementi più adatti in base alle caratteristiche statiche che la muratura da realizzare deve avere. 

Una prima classificazione prevede che: 

-I blocchi per murature portanti con foratura minore del 45%possono essere impiegati in zone sismiche o in zone normali; 

-I blocchi con forature comprese all’interno del campo tra 45% e 55% possono essere impiegati in zone non sismiche ma impiegati in tamponamenti che non siano portanti; 

-I blocchi con forature superiori al 55% possono essere impiegati solo nei lavori di tamponamento non portanti, indipendentemente dallo spessore. 

È importante ricordare che nella posa, nel caso di costruzioni di muri portanti, i fori dei laterizi debbono disporsi sempre nella direzione dei carichi verticali. 

 

La fase di posa in opera: class

Tralasciando la semplicità di posa in opera dei laterizi alveolari, si richiama l’attenzione su alcune indicazioni elementari utili ad assicurare le elevate prestazioni al manufatto ultimato.

In particolare, i blocchi di laterizio vanno posti in opera con l’impiego di malte premiscelate con caratteristiche a norma, le cui scelte sono congruenti con le specifiche esigenze costruttive.

I blocchi vanno sempre posati con giunti sfalsati di mezzo blocco rispetto al filare orizzontale sottostante. 

La malta deve essere stesa per i soli allettamenti orizzontali nei casi in cui si utilizzano laterizi muniti di incastri sui lati verticali. Per fianchi rettilinei l’allettamento va eseguito in entrambi le direzioni. 

Un’ulteriore alternativa è rappresentata dalla posa a secco; si ottiene una notevole riduzione dei tempi di realizzazione della muratura e un risparmio sui costi.

Il lavoro di posa in opera, infatti, è evidentemente semplificato e velocizzato e la muratura mantiene le alte prestazioni di resistenza meccanica a compressione e a trazione con l’unito miglioramento del potere coibente in virtù dell’eliminazione dei ponti termici dipendenti dai giunti di malta. 

La muratura ultimata si presenta asciutta, liscia ed omogenea, già pronta per essere intonacata. 

 

Prestazioni dei blocchi alveolari 

I punti di forza dei laterizi alveolari sono senza dubbio le ottime proprietà coibenti e di isolamento acustico, dovute sia della struttura porizzata del laterizio sia ai disegni delle forature verticali di forma allungata e dalla particolare sagoma dei setti e dalla loro distribuzione.

I setti componenti i confini dei singoli fori sono disposti in filari con direzione perpendicolare al flusso termico.

Questa caratteristica insieme alla massa porizzata del blocco assume valori di resistenza e trasmittanza termica capaci di contenere in modo considerevole lo scambio di calore tra gli ambienti sia in estate che in inverno. 

Le murature realizzate con il laterizio alveolato, dunque, possiedono una temperatura superficiale rivolta verso i locali interni non inferiore e non superiore, secondo la stagione in corso, di 2/3° C rispetto alla temperatura misurata dell’aria esterna.

Tale differenza è sufficiente ad impedire alla muratura stessa di emanare calore durante i periodi estivi e di assorbire il calore fornito dai radiatori durante i periodi invernali. 

Le proprietà della muratura in laterizio alveolare, tra le altre peculiarità, impediscono la formazione dei fenomeni di condensa molto frequenti nei locali dove vi è produzione di vapore acqueo, come, per esempio, la cucina o il bagno. 

Identicamente i risultati ottimali sono stati osservati anche per quanto attiene alla formazione di muffe e di macchie di degrado diffuso o puntuale degli intonaci, tutto ciò grazie al potere coibente e all’assenza di ponti termici che di fatto garantiscono l’assenza di queste antiestetiche patologie. 

Alcune raccomandazioni riguardo alla classificazione e prestazioni del Poroton

Raccomandazioni all’uso del laterizio porizzato provengono dai significativi vantaggi ottenuti con il loro impiego sul fronte dell’isolamento acustico.

La massa e la forma interna del blocco riducono notevolmente i rumori aerei anche senza il ricorso a aggiunte di strati isolanti.

Ancora di più si notano le riduzioni dei rumori quando le murature sono realizzate senza fessure, con giunti ben chiusi e con gli intonaci dello spessore adeguato. 

Anche le prestazioni antincendio dei blocchi porizzati sono ottimali, la composizione è inorganica e incombustibile in Classe 0 di reazione al fuoco.

Anche positiva è la resistenza al fuoco per una normale parete portante che è parametrata con il valore massimo di legge, ossia REI 180. 

PrintShare