Login ‹ T2D

Ampliamento volumetrico dell’edificio: il Superbonus 110%

Vuoi ampliare la metratura di casa ed usufruire del Superbonus 110% istituito nel 2020? Scopri tutto ciò che c’è da sapere sull’argomento!

Siamo certi che saprete che per interventi di riduzione del rischio sismico di un edificio demolito e ricostruito con aumento volumetrico, le agevolazioni spettano solo se i lavori di ristrutturazione con l’ampliamento dei metri quadri risultino dal titolo amministrativo (es. permesso di costruire) che autorizza i lavori per i quali il contribuente intende beneficiare di agevolazioni fiscali.

Questo è quanto disciplinato dell’Agenzia delle Entrate nel Gennaio 2020, in merito la circolare n. 24/2020, dove è stato precisato che l’agevolazione spetta anche a fronte di interventi realizzati mediante demolizione e ricostruzione inquadrabili nella categoria della ristrutturazione edilizia ai sensi dell’art.3, comma 1, lettera d) del dpr 380/2001.

Superbonus 110% ed interventi di demolizione e ricostruzione

Per questo, il perimetro per l’utilizzo del Superbonus 110% è stato allargato dal DL Semplificazioni.

L’Agenzia delle Entrate ricorda che, in base alle novità del DL 76/2020 rientrano tra gli interventi di ristrutturazione edilizia gli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversa sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche, con le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, per l’applicazione della normativa sull’accessibilità, per l’istallazione di impianti tecnologici e per l’efficientamento energetico. L’intervento può prevedere altresì, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana”.

La relazione della disposizione riguardante l’aumento volumetrico, dice inoltre cheL’intervento può prevedere altresì, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana. È evidente l’obiettivo della norma di evitare che la previsione nei piani di rigenerazione urbana di incentivi volumetrici in caso di interventi di demolizione e ricostruzione porti, in realtà, a qualificare l’intervento come una nuova costruzione soggetta ad un differente regime giuridico (in termini di titolo edilizio richiesto, onerosità dello stesso, disposizioni generali applicabili, ecc.)”.

Il titolo abilitativo è fondamentale

Resta necessario il permesso di costruire a supporto. Quindi solo se l’intervento di demolizione e ricostruzione rientra tra quelli di ristrutturazione edilizia come risultante dal titolo amministrativo e i lavori rientrano nel Superbonus o di recupero del patrimonio edilizio l’istante potrà fruire delle agevolazioni.

Vi raccomandiamo la massima precisione nella presentazione dei documenti perché sono molti e devono essere tutti conformi alle normative, altrimenti si rischia di prolungare le procedure e non ottenere le agevolazioni del Superbonus 110%.

Ricostruzione con ampliamento: le date di riferimento

L’Agenzia delle Entrate ha innanzitutto chiesto conferma sul fatto che le spese relative allincremento di volume siano ammissibili al Superbonus e alle detrazioni fiscali solo a partire dal 17 luglio 2020, ossia dalla data di entrata in vigore del D.L. 76/2020 che ha ampliato lambito della ristrutturazione, indicazione questa confermata dalla Commissione. Le spese relative all’incremento di volume, a seguito di interventi di demolizione e ricostruzione ed ai fini del solo Super Sismabonus”, sono ammesse alla detrazione fiscale ai sensi dellart. 119 del D.L. 34/2020 solo a partire dal 17.07.2020, data in cui il D.L. 76/2020 ha inserito laumento volumetrico, connesso agli interventi di cui sopra, non legato a innovazioni necessarie per ladeguamento alla normativa antisismica” allinterno della definizione della ristrutturazione edilizia” di cui allart. 3 comma 1 lettera d) del D.P.R. 380/2001.

Per le autorizzazioni rilasciate prima della suddetta date, con la forma del permesso di costruire, si propone di richiedere, se necessario e possibile, allente territoriale competente la modifica del titolo abilitativo già rilasciato allineando lintervento alla ristrutturazione edilizia, visto che il provvedimento normativo emanato non prevede nessuna specifica retroattività”.

Non si accetta il Super Ecobonus sullampliamento

Sul Sismabonus non vale l’Ecobonus perchè a differenza del Super Sismabonusla detrazione fiscale legata al Super ecobonusnon si applica alla parte eccedente il volume ante-operam. Il diverso regime relativo alle due agevolazioni fiscali, rispetto allampliamento volumetrico conseguente agli interventi di demolizione e ricostruzione, può essere eliminato solo con una modifica alla legislazione vigente”.

Simabonus e le villette a schiera

Vogliamo qui fare un importante chiarimento sull’applicazione del Sismabonus alle villette a schiera: questa agevolazione non è ammessa per gli interventi sulle singole villetta se si tratta di edifici strutturalmente collegati.

Come chiarito infatti dalla Commissione, ai fini dell’applicazione del Sismabonus bisogna fare riferimento all’Unità strutturale: LUs è caratterizzata da comportamento strutturale unitario nei confronti dei carichi orizzontali e verticali per cui, nellindividuarla, si terrà conto della tipologia costruttiva e del permanere di elementi caratterizzanti, anche al fine di definire interventi coerenti con la configurazione strutturale. LUs deve comunque garantire con continuità il trasferimento dei carichi in fondazione e, generalmente, è delimitata o da spazi aperti, o da giunti strutturali, o da edifici contigui costruiti, ad esempio, con tipologie costruttive e strutturali diverse, o con materiali diversi, oppure in epoche diverse”.

L’agevolazione è invece ammessa nel caso in cui siano presenti giunti a creare discontinuità strutturale tra le unità stesse.

T2D e la sua qualità

Noi di T2D teniamo particolarmente alla ricostruzione in zone sismiche.

Come costruire in modo antisismico? Costruire con materiali T2D significa utilizzare il giusto materiale per costruire case antisismiche, cioè prodotti solidi e strutturalmente affidabili.

Oltre 100 anni di esperienza produttiva, una materia prima dalle eccellenti proprietà meccaniche e test di laboratorio quotidiani, rendono il materiale T2D ancora più sicuro, anche laddove utilizzato in zone altamente sismiche. Trovandosi all’interno di una zona ad elevato rischio sismico, T2D ha sempre prestato particolare attenzione al tema della sicurezza strutturale e delle prestazioni statiche dei suoi blocchi da muro.

Ogni prodotto T2D viene sottoposto al più rigoroso sistema di controllo nei prodotti da costruzione:

  • Certificazioni esterne
  • T2 TRACKS®: il sistema di controllo della resistenza a compressione dei blocchi in laterizio che il laboratorio di controllo qualità interno svolge sulle singole produzioni. T2 Tracks® permette di verificare le prestazioni meccaniche dei prodotti utilizzati in maniera semplice e veloce.
  • La certificazione di Categoria I e II dei nostri materiali
  • Supporto tecnico POROTON®
  • Safety Lab Centro Italia.

Insomma, di T2D potete fidarvi ad occhi chiusi!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI T2D

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità dal mondo dell'edilizia, scopri materiali costruttivi all'avanguardia e i loro impieghi più interessanti e scopri i consigli dei nostri esperti. Entra nel mondo T2D.

 SISTEMA TRIS®

SAFETY LAB CENTRO ITALIA

MURATURA ARMATA 2.0

LINEA ACUSTICA®

PrintShare