Login ‹ T2D

Laterizi: materiali inconfondibili, duraturi e storici

I laterizi appartengono alla categoria dei materiali ceramici che nel nostro ambito sono definiti come: “prodotti ottenuti dalla cottura a temperature elevate di impasti costituiti da masse minerali plastiche a cui in precedenza vengono assegnate determinate forme; sono prodotti amalgamando essenzialmente argilla, acqua ed eventuali additivi.”.

Dopo la cottura assumono uno stato rigido tale da non poter più riacquisire l’originale plasticità. I prodotti utilizzati come materiali da costruzione possono poi essere catalogati in due grandi famiglie a pasta porosa e permeabile, oppure a pasta compatta e impermeabile.

La definizione precisa dei laterizi è: “prodotti ceramici a pasta porosa che utilizzano come materia prima, argilla, quindi ridotti in elementi di forma e di dimensioni prestabilite che, dopo essiccatura, vengono cotti a temperature comprese tra 800 e 1000°C in apposite fornaci, presentando una struttura a grana ruvida in grado di assorbire acqua per capillarità e risultando particolarmente adatti all’uso in campo edilizio”.

La classificazione dei laterizi

Le classificazioni dei laterizi per murature sono disciplinate dalla norma UNI 8942/1 che ne distingue tre categorie, dipendenti da tre diversi parametri:

  1. percentuale di foratura;
  2. giacitura in opera;
  3. tecnica di produzione;

Classificazione relativa alla percentuale di foratura

Una tra le caratteristiche più importanti dei laterizi per murature è la foratura.

Questa viene misurata in base al rapporto F (in percentuale) tra la somma delle aree dei fori e l’area della superficie vuoto per pieno ortogonale alla direzione dei fori. La foratura consente di ridurre notevolmente il peso degli elementi, migliorandone le proprietà di isolamento termico.

I laterizi per murature a seconda della percentuale di foratura, si distinguono in:

  • mattoni pieni con F 15%;
  • mattoni e blocchi semipieni, divisi a loro volta in due tipi: tipo A con F > 15% e 45% e tipo B con F > 45% e 55%;
  • mattoni e blocchi forati con F > 55%.

Per quanto riguarda i laterizi destinati alla realizzazione di murature portanti:

  • mattoni e blocchi pieni con F 15%;
  • mattoni e blocchi semipieni, con F > 15% e 45%;
  • mattoni e blocchi forati, con F > 45% e 55%.

Le tre facce del mattone, vengono generalmente denominate: testa, la faccia che ha per lati le due dimensioni minori; costa, la faccia che ha per lati la dimensione minore e quella maggiore; piatto, la faccia che ha per lati le due dimensioni maggiori.

Classificazione relativa alla giacitura in opera

I laterizi per murature, in relazione alla tecnica di posa in opera, si distinguono in: mattoni e blocchi a fori verticali, quando vengono posati in opera con la foratura ortogonale al piano orizzontale di posa; mattoni e blocchi a fori orizzontali, quando vengono posati in opera con la foratura parallela al piano orizzontale di posa.

Classificazione relativa alla tecnica di produzione

A seconda della tecnica di produzione i laterizi per murature si possono classificare in:

  • estrusi, quelli ottenuti mediante il passaggio in pressione della massa di argilla attraverso una filiera della stessa sezione del laterizio da conformare;
  • pressati, quelli ottenuti mediante pressatura in appositi stampi;
  • formati a mano, quelli ottenuti mediante lavorazioni manuali, anche per soddisfare richieste ed esigenze specifiche.

A seguito della norma UNI 8942/1 del 1986 sono state definite le seguenti categorie di laterizi per le strutture murali verticali:

  • Mattoni e blocchi, prodotti laterizi di forma generalmente parallelepipeda.
  • Mattoni e blocchi da rivestimento, prodotti in modo tale da poter essere lasciati con la faccia a vista privi di intonaco.
  • Mattoni e blocchi comuni, tutti prodotti in laterizio privo di finiture quindi non da rivestimento.
  • Pezzi complementari speciali o da corredo, prodotti in laterizio impiegati per la costruzione di particolari elementi murari.

Isolamento acustico e termico

Una delle più importanti novità della tecnologia sono i laterizi isolanti sia per inquinamento acustico che per l’isolamento termico.

Il benessere derivante dall’impiego di materiale isolante acustico rende l’ambiente salubre, determina il comfort abitativo, migliora la qualità della vita.

Le soluzioni costruttive T2D, caratterizzate da una elevatissima massa superficiale consentono di ottenere un efficace isolamento acustico. Il benessere acustico è un’esigenza preminente fra quelle che, nell’ambiente abitato, concorrono a determinare il comfort abitativo e la qualità della vita. Il comfort abitativo è una condizione di benessere che si crea all’interno di un ambiente in funzione di quattro fattori:

  • Termici
  • Biofisici
  • Acustici
  •  

Il benessere acustico, pur non essendo fondamentale ai fini della sopravvivenza (come ad esempio lo è la nutrizione), sta assumendo sempre maggior importanza poiché ai nostri bisogni primari si vanno sommando bisogni secondari, generati dal modo di vivere in una società sempre più rumorosa e caotica.

Per l’isolamento termico invece, il settore dell’edilizia rappresenta il 40% del consumo totale di energia nell’Unione europea (UE). Le soluzioni costruttive T2D consentono di realizzare involucri dalle altissime perfomance termiche per costruire edifici a energia quasi zero, NZEB (nearly zero energy building). Riduzione dei consumi energetici e utilizzo di fonti rinnovabili sono i concetti base degli edifici a energia quasi zero, NZEB, caratterizzati da un fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili. La direttiva europea 2010/31/UE, che ha introdotto il concetto di edificio a energia quasi zero nasce dall’esigenza di ridurre i consumi energetici del 20% entro il 2020.

L’obiettivo NZEB è stato fissato per tutti gli edifici di nuova realizzazione a partire dal 2021, dal 2019 per gli edifici pubblici.

T2D e la sua esperienza

Un marchio nuovo con solide radici, che poggiano sull’esperienza e sulla storia di 3 aziende storiche del settore. Attraverso un’operazione di fusione tra Toppetti e Donati Laterizi, nasce T2D che con 4 stabilimenti dislocati in Umbria, Toscana e Piemonte è il più grande produttore di laterizi in Italia. T2D è la naturale sintesi di tre grandi aziende, cresciute negli anni con storie diverse ma con valori condivisi tramandati nel tempo: passione, innovazione, responsabilità.

Scegli T2D per le tue soluzioni edilizie: che si tratti di costruire o ristrutturare, T2D è al tuo servizio per ogni evenienza.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI T2D

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità dal mondo dell'edilizia, scopri materiali costruttivi all'avanguardia e i loro impieghi più interessanti e scopri i consigli dei nostri esperti. Entra nel mondo T2D.

 SISTEMA TRIS®

SAFETY LAB CENTRO ITALIA

MURATURA ARMATA 2.0

LINEA ACUSTICA®

PrintShare